Sony X80J / X80JP: Recensione

X80J / X80JP è l’entry level di Sony un normale LCD 4K di tipo IPS con pannello a 60hz e Google TV, vediamo nella recensione se può essere una valida scelta

La tv esiste nei formati:

  • KD-43X80J / KD-43X80JP – 43 pollici (pannello Ips)
  • KD-50X80J / KD-50X80JP – 50 pollici (pannello Va)
  • KD-55X80J / KD-55X80JP – 55 pollici (pannello Ips)
  • KD-65X80J / KD-65X80JP – 65 pollici (pannello Ips)
  • KD-75X80J / KD-75X80JP – 75 pollici (pannello Ips)

Design

Il fronte della TV ha cornici complessivamente un po spesse per i tempi attuali (1,5cm) con una plastica che non restituisce esattamente l’idea di solidità, quella in basso è qualche millimetro più grande ancora e riporta il marchio del produttore, proprio sopra a una barra con un leggero rilievo per i ricettori wireless.

La tv si regge su due semplici piedini, reggono bene la TV, e dal formato 55 pollici in su è possibile inserirli in due posizioni diverse (una più centrale per avere minore ingombro sul mobile).

dal 55 pollici in su ci sono due posizionamenti dei piedini, questa è quella ravvicinatadal 55 pollici in su ci sono due posizionamenti dei piedini, questa è quella ravvicinata

Di profilo lo spessore di 7,3 cm è considerevole, un dato solo in parte giustificato dal tipo di retroilluminazione Direct-led presente quindi su tutto il retro e non solo laterale, giustificato in parte dato che comunque al tatto le plastiche lasciano intravedere ampi spazi vuoti.

Il retro a differenza dei modelli di classe superiore non ha nessun tipo di texture o decorazione, è presente un’ampia grata di ventilazione nella parte alta, e il box dei connettori tutti sulla destra dove trovano posto 4 porte hdmi 2.0, ethernet antenna e usb. La gestione dei cavi è affidata a due semplici anelli sul retro dei piedini.

ingressiingressi

Complessivamente la qualità delle plastiche è nella media, l’assemblaggio pur avendo parti flessibili (in questo caso anche sulle cornici frontali) al tatto è uguale a tanti altri prodotti in commercio, tuttavia è innegabile che dal punto di vista del design i classici LCD Samsung nella stessa fascia di prezzo sono più sottili ed eleganti.

Qualità visiva

A eccezione del 50 pollici tutti gli altri formati montano un pannello di tipo IPS (per la precisione è un ADS, ma la differenza è insignificante) la retroilluminazione come già riportato è di tipo Direct-led ma ovviamente senza nessun tipo di local dimming (spegnimento selettivo).
Questo purtroppo porta ad avere un rapporto di contrasto di 1200:1, un valore basso, anche se in linea con la tecnologia utilizzata.

I neri sono un punto debole, in particolare quando sono presenti elementi luminosi su fondi uniformi bisogna dare per scontato un nero slavato e anche un certo clouding “effetto nuvola” legato alla retroilluminazione.

neri da ips senza Local Dimmingneri da ips senza Local Dimming

La luminosità in questa fascia di prezzo è buona, si assesta in media sui 380 nits con i contenuti HDR, un livello costante mantenuto nelle piccole e medie zone luminose, la TV raggiunge i 400 nits su schermate interamente bianche.

L’uniformità nei toni medi segue gli standard, gli angolini sono decisamente più scuri rispetto alla parte centrale, tuttavia questa è piuttosto omogenea, l’effetto schermo sporco (DSE) non è presente, e questo fattore è buono per visualizzare contenuti movimentati con fondi uniformi.

uniformitàuniformità

L’angolo di visione essendo un IPS è buono, regge i classici 55/60° senza alterazioni fastidiose e anche la gestione dei riflessi viene attenuata bene, complessivamente è chiaro che stiamo parlando di un entry level il cui utilizzo principale è quello di tutti i giorni in ambiente più o meno luminoso.

Colore

Sony da questo punto di vista fornisce la TV con una calibrazione nativa di alto livello, in genere succede su tutti i modelli e questo non fa eccezione, anche in questo caso il profilo colore “cinema” abbinato a temperatura colore “esperto 1” rappresenta un’ottima impostazione, la scena forse è impercettibilmente più scura dello standard, ma la vista di elementi difficili come i volti è perfetta e naturale nel bilanciamento.

i preset standard e cinema sono molto validi, sopratutto con l'impostazione temperatura colore esperto 1i preset standard e cinema sono molto validi, sopratutto con l’impostazione temperatura colore esperto 1

Come sempre è possibile intervenire manualmente con una calibrazione del bianco a 10 punti, ma non se ne vede davvero il bisogno, in questa fascia di prezzo è forse il prodotto meglio calibrato in circolazione in grado di soddisfare non solo lo spettatore occasionale ma per quanto possibile anche l’appassionato.

La gamma colori ha una buona copertura DCI P3 dell’86,5%, mentre i limiti del pannello influiscono sicuramente sul volume colore, in particolare le tinte scure molto sature sono riprodotte in modo mediocre, bene quelle chiare e tendenti al bianco.

Il banding è gestito molto bene, le sfumature sono omogenee e graduali con solo qualche piccolo stacco nelle solite zone molto scure.

si i contenuti difficili al buio hanno pecche evidenti sui modelli con pannello IPSsi i contenuti difficili al buio hanno pecche evidenti sui modelli con pannello IPS

L’HDR (supporta Dolby Vision) in questi pannelli è un po un problema, infatti a causa del basso contrasto non restituisce l’impatto sperato, sopratutto in ambiente buio è evidente come un concorrente nella stessa fascia di prezzo ma con pannello VA garantisca un risultato migliore.

50 pollici con pannello Va (KD-50X80J / KD-50X80JP)

La misurazione di contrasto riportata riguarda i modelli con pannello IPS, tuttavia il formato da 50 pollici monta un pannello VA e di conseguenza ha un rapporto di contrasto almeno triplo e neri più coprenti, questo è un’aspetto importante perché va a colmare forse il difetto più grande del prodotto garantendo cosi una visione al buio piacevole, naturalmente a scapito di un’angolo di visione più ristretto. Come sempre il tipo di utilizzo è la cosa più importante nella scelta del prodotto.

In movimento

Sony X80JP a differenza del modello X85J monta un pannello a 60hz, il tempo di risposta è nella media (4,7ms), la sincronizzazione con la retroilluminazione è perfetta e quindi complessivamente vedere scene in movimento è un piacere, rappresenta sicuramente un punto qualitativo rispetto agli entry level della concorrenza.

L’interpolazione di movimento “Motionflow” gestita dal processore 4K HDR X1 lavora ovviamente fino a 60fps, le impostazioni più spinte ovviamente generano inevitabili artefatti, ma complessivamente si comporta bene ed è consigliabile abilitarla come ormai avviene su tutti i prodotti.

per essere un pannello a 60hz i contenuti in movimento sono buoni, in generale i contenuti luminosi come quelli sportivi sono l'ideale per questo prodotto.per essere un pannello a 60hz la gestione del moto è buona, in generale i contenuti luminosi come quelli sportivi sono l’ideale per questo prodotto.

C’è anche la funzione BFI che inserire il solito frame nero tra i fotogrammi al fine di migliorare la nitidezza in movimento, ovviamente è una funzione che può essere piacevole su un 120hz, quindi in questo caso è un po superflua.

Input-lag e videogame

In questo aspetto siamo di fronte a un pannello con un’input-lag di 11 ms, ovviamente con la modalità game attiva, senza è infatti praticamente inutilizzabile. Questo lo posiziona come un medio/buon prodotto per videogiocare in 4K a 60hz, ovviamente sono escluse le funzioni legate a PS5 / Serie X, nessun supporto ai 120hz, niente VRR e più in generale un HDR che non valorizza l’impatto visivo che i videogiochi moderni offrono.

Elden ring 4k 60hz, come per tutti gli altri contenuti anche i videogiochi rendono meglio quando le schermate sono chiareElden ring 4k 60hz, come per tutti gli altri contenuti anche i videogiochi rendono meglio quando le ambientazioni sono chiare

Smart TV con Google TV

Il software di Google è uno dei 3 principali competitor in commercio, ormai questi si equivalgono in funzionalità e disponibilità di APP, le caratteristiche principali essendo la versione 10 riguardano l’interfaccia principale composta da singola schermata full-screen, i menu corredati di illustrazioni animate, il chromecast integrato per l’invio di contenuti dallo smartphone e ovviamente l’enorme store per le APP scaricabili nei 16Gb di storage.

Riguardo all’usabilità del modello specifico siamo su ottimi livelli, Google TV forse non ha la reattività visiva di WebOS con menu che appaiono in modo più sfumato, ma è fluido e privo di lag. X80J monta un processore quad-core ARM Cortex-A73 a 1800 MHz e 4Gb di Ram, la resa si può definire identica ai modelli più costosi come per esempio X85J o X90J.

telecomandotelecomando

Il telecomando è identico ai modelli di classe superiore, con forma stretta e lunga, tanti pulsanti compresi quelli per 4 app di streaming, e il microfono integrato con tasto dedicato per impartire i comandi vocali di Google Assistant o Alexa.

Audio

Le due casse integrate da 10w risultano leggermente superiori alla media nel campo degli entry level, il merito è sicuramente della dimensione delle stesse resa possibile dallo spessore complessivo della TV. Ovviamente in un grande ambiente sarà comunque necessaria una soundbar, ma in una situazione standard di emissione a volume medio i dialoghi sono chiari e nitidi e si percepiscono anche dei medi accettabili, purtroppo come sempre a volumi molto alti c’è la classica distorsione.

questa e la forma di uno dei due altoparlanti integrati, il corpo TV ha uno spessore di 7,3 cmquesta e la forma di uno dei due altoparlanti integrati, il corpo TV ha uno spessore di 7,3 cm

Nel caso di connessione a soundbar esterna tramite HDMI 3 (destinata alla funzione apposita eArc) passa tranquillamente il segnale Dolby Atmos, Dolby Digital e persino il sempre più ignorato DTS !

Contesto di mercato

X80J ha aspetti vincenti come la calibrazione nativa e la parte smart TV, e un’audio leggermente sopra la media, tuttavia ci sono anche tipi di utilizzo dove ha concorrenti preferibili, infatti nonostante sia l’entry level di Sony il prezzo è paragonabile al Samsung Q60A / Q65A, prodotto che nella visione al buio e con i contenuti HDR è preferibile.

Dal punto di vista del gaming se pretendete di più con una spesa leggermente maggiore è possibile puntare su Sony X85J o Samsung A70A, entrambi hanno pannello VA e 120hz.

Offerta Amazon

Offerta
Sony BRAVIA KD-55X80JP - Smart TV 55 pollici, 4K ULTRA HD LED, HDR, con Google TV (Modello esclusivo Amazon 2021)
  • Processore X1 / 4K X-Reality PRO: con il nostro processore 4K HDR X1 e 4K...
  • I colori mozzafiato rendono tutto incredibilmente realistico: oltre un...
  • Dolby Vision / Atmos e X-Balanced Speaker: altoparlanti finemente...

Voto Totale

77%
Sony X80JP è la TV 4K entry level di Sony, tuttavia questo non la posiziona tra i prodotti più economici, del resto alcune caratteristiche come la calibrazione nativa, la gestione del moto, e il software google TV sono al di sopra della media. La scelta del pannello di tipo IPS (escluso il 50 pollici) purtroppo limita il contrasto e con esso la percezione dei contenuti HDR e la visione al buio, tuttavia per un'utilizzo in ambiente illuminato di contenuti televisivi e sportivi potrebbe essere una scelta sicura.

Design:

Il design comprende lo spessore, la dimensione delle cornici, la qualità costruttiva e progettuale.

72%
Luminosità:

Una luminosità alta consente HDR di maggiore qualità e una migliore visione sopratutto in ambiente luminoso.

75%
Contrasto:

Il rapporto tra il punto più luminoso e il nero. Più scuro è il nero, maggiore sarà il contrasto.

58%
Uniformità:

Si riferisce a quanto sono uniformi le schermate a tinta unita, nella normale visione influisce sulla qualità di scenari come cieli, campi da calcio, pavimenti e simili. Nelle tv più economiche ci può essere tanta differenza anche tra gli stessi modelli.

77%
Colore:

Si riferisce alla calibrazione nativa e alla quantità di colori che riesce a riprodurre.

85%
Angolo di visione:

Un valore alto indica che puoi guardare lo schermo da posizione angolata senza avere alterazioni cromatiche.

80%
Immagini in movimento:

La qualità nella riproduzione di scene motorie. Valuta anche interpolazione dei contenuti e tempo di risposta del pannello.

83%
Input-Lag e Videogiochi:

Input-lag è il tempo in millisecondi tra il ricevimento del comando e la sua visualizzazione a schermo, in questa categoria si valutano anche le funzionalità legate al gaming.

77%
Smart-TV:

Il sistema operativo della TV, si valutano funzionalità, semplicità e reattività.

85%
Audio:

Valuta come si sente la sola TV, ma anche le funzionalità di espansione e codec supportati.

73%
Rapporto qualità/prezzo:
77%
Calibrazione nativa
basso contrasto

Specifiche e Misurazioni

GENERALITA'
Produttore: Sony
Anno di produzione: 2021
Risoluzione: 4K
Brand (nome commerciale): Sony Bravia
Processore Video: Processore 4K HDR X1
Formati disponibili: 43", 50", 55", 65", 75"
TECNOLOGIA
Tipologia di pannello

Suddiviso in gruppi LCD IPS, LCD VA, QLED, OLED. Per la differenza tra LCD vedi: +info LCD, per la differenza tra Qled e Oled: Oled VS Qled

: lcd ips o va
Retro illiminazione

La sorgente di luce può essere LED, MiniLED, o assente se i pixel sono auto-illuminanti (oled). I led possono essere direct (su tutto il retro) o edge (solo su una o più cornici)

:direct led
Local dimming

Lo Spegnimento selettivo della retroilluminazione al fine di offrire un nero migliore, maggiorni sono le zone indipendenti, maggiore sarà la qualità dei neri in certe situazioni. Gli Oled non ne hanno bisogno +info sul local dimming

: non è presente il local dimming
Pannello

Attualmente può essere 8bit o 10bit e cambia il numero di colori che può riprodurre. Gli Hz sono il numero di volte al secondo che la tv ridisegna l’immagine, può essere a 60Hz o 120Hz +info sugli Hz

: 8 bit + FRC - 60Hz
HDR supportato

HDR è la gamma cromatica estesa. Le versioni di HDR dinamiche sono Hdr10+ e Dolby Vision: +info HDR

: HDR10, DOLBY VISION, HLG
RESA IMMAGINE
Contrasto: 1200:1
Luminosità HDR(media reale):

Un valore di nits più alto offre una copertura colore superiore e una migliore visione sopratutto in ambiente luminoso. Il dato riporta una media su contenuti HDR reali, il volore medio oggi è circa 450nits.

: 380 nits
Spazio colore DCI P3

Misurazione riferita a quanti colori visualizza la TV, la gamma DCI P3 ha ampiezza simile a quella Adobe RGB, ma si espande di più in zone rosse e gialle, meno in quella del ciano e del verde.

: 86,5%
Spazio colore Rec 2020

Misurazione riferita a quanti colori visualizza la TV, la gamma Rec.2020 ha ampiezza ultra-wide molto più ampia della DCI p3, ed è destinata sopratutto agli schermi del futuro.

: 62%
Volume colore DCI P3

Lo spazio colore DCI P3 abbinato alla luminanza diventa volume colore DCI P3, evoluzione che misura sempre quanti colori riproduce lo schermo ma al variare della luminosità.

: 68,2%
Volume colore Rec 2020

Lo spazio colore REC 2020 abbinato alla luminanza diventa volume colore REC 2020, evoluzione che misura sempre quanti colori riproduce lo schermo ma al variare della luminosità.

: 59,3%
GAMING
Input Lag (mod.game HDR 60hz)

E' il tempo in millisecondi tra il ricevimento del comando e la sua visualizzazione a schermo, un valore più basso è migliore, oggi il valore medio è di 20ms +info sull'input-lag

: 11 ms
Input Lag (mod.game HDR 120hz): /
Input Lag (mod.game VRR): /
Tempo di risposta medio del pannello

E' il tempo che impiega un pixel a cambiare il suo stato/colore, nello specifico viene riportato quanto ci mette a variare il suo stato dell'80% (che è più di quello che in media avviene nelle scene reali). Un valore medio per un LCD è 6ms, valori troppo alti generano il classico "effetto scia" o ghosting.

: 4,7 ms
versione HDMI: Hdmi 2.0
Numero di porte HDMI: 4
Supporta giochi 4K / 120hz: No
Supporta giochi 4K / 120hz / Dolby Vision: No
Variable Refresh Rate

Funzione che sincronizza i frame generati dalla console/PC con quelli riprodotti a schermo +info VRR

:

No

Auto Low Latency Mode (ALLM)

Funzione che riconosce se stai giocando e attiva in automatico la modalità game.

: No
HGiG

Funzione legata a un consorzio che imposta delle direttive per il corretto e calibrato uso di HDR nel mondo del gaming, la sua attivazione imposta in automatico la corretta gamma e tone/mapping per la TV utilizzata.

: No
SMART-TV
Smart TV OS: Google TV
Assistenti vocali: Google Assistant, Alexa
Streaming contenuti

Riferito alla possibilità di inviare contenuti da smartphone/tablet o PC

:

Chromecast, AirPlay 2, HomeKit

Connettività: Bluetooth 4.2 , Wi-Fi 5 (802.11ac)
CODIFICHE
Nuovo dig.terrestre(DVB-T2) e Cod.HEVC : Si
Codifica MPEG4 : Si
Codifica VP9 : Si
Codifica AV1 : Si
Codifica VVC : No
AUDIO
Speakers: sistema 2.0 - 20W
Audio Passthrough: ARC, eARC, Dolby Atmos (trueHD) su eARC, DTSX (DTS-HD MA) su eARC, 5.1 Dolby Digital su ARC, 5.1 DTS su ARC, 5.1 Dolby Digital su Ottica, 5.1 DTS su Ottica
Articolo aggiornato al: 15 Maggio 2022 | Redatto da: Pixeltv