Samsung RU7170: Recensione

Sostituito da nuovo modello: Samsung AU7190 / AU7175 / AU7170: Recensione

La recensione di Samsung Ru7170 un prodotto entry level ancora più economico di ru7400, si tratta sempre di un LCD 4k con pannello di tipo VA, retroilluminazione Edge Led e un’ampia gamma di dimensioni;

La TV è commercializzata nei formati:

  • 43 pollici (UE43RU7170U)
  • 50 pollici (UE50RU7170U)
  • 55 pollici (UE55RU7170U)
  • 65 pollici (UE65RU7170U)
  • 75 pollici (UE75RU7170U)

Design

Samsung RU7170 fronte
Samsung RU7170 vista frontale

Il corpo della TV è praticamente identico a NU7170 del 2018 (che va a sostituire), ma anche a RU7400 del 2019, si tratta del solito design affusolato, molto sottile verso l’esterno, e con uno spessore massimo di 5,7cm nella parte bassa dove c’è l’elettronica. La parte frontale ha la cornice di 1,5cm e un pannello con finitura semi-lucida.

Lo stand di supporto utilizzato prevede i piedini, questo richiede un tavolo grande quasi quanto l’intera TV, ma in compenso occupa poca profondità, una volta montato c’è una leggera oscillazione toccando il pannello, ma non compromette la stabilità.

Samsung RU7170 retro

Come si vede in foto il colore scelto per tutte le plastiche è il nero, un nero opaco che sul retro ha una sottile texture di linee orizzontali incisa, non ci sono percorsi per la gestione dei cavi, ma si possono legare ai piedini con un apposito nastrino fornito. Il montaggio a parete prevede un vesa 200×200, non sembrano esserci problemi nelle plastiche utilizzate o nell’assemblaggio, del resto è un design che Samsung ha collaudato un’infinità di volte negli ultimi 3 anni.

I Led della retroilluminazione sono posti solo nel lato basso, che ovviamente è il punto più caldo, dopo tante ore di utilizzo comunque non supera i 40 gradi.

Qualità visiva e compromessi

Samsung RU7170 utilizza un pannello VA a 8BIT (+FRC) in tutti formati (anche il 43 pollici), fattore che gli permette un’ottimo contrasto di 5500:1, il local dimming non è presente, ma in ogni caso la visione al buio è piacevole, in quanto i neri sono decentemente profondi.

Peggio la luminosità che in media si assesta sui 280 nits con i contenuti HDR, questo è appunto uno dei compromessi da accettare, la visione dei contenuti HDR non è ottimale, del resto si tratta di un prodotto super-economico. Restando in tema la TV come tutti i prodotti Samsung supporta HDR10, HLG, e per i metadati dinamici HDR10+.

L’uniformità del pannello è assolutamente adeguata, sia nelle schermate nere, sia nelle schermate completamente grigie dove non ci sono particolari macchie, a eccezione degli inevitabili angolini un pò più scuri, l’effetto DSE (schermo sporco è quindi ridotto al minimo, e in questa fascia di prezzo non è cosa da poco).

Samsung RU7170 uniformità
Samsung RU7170 uniformità

Come sempre su questa tecnologia VA l’angolo di visione è limitato, in questo RU7170, 25° di inclinazione mostrano qualche variazione di colore e luminosità, quindi si consiglia una visione ottimale ben frontale alla TV, lo schermo ha infine una finitura semi-lucida che gestisce i riflessi nella media esattamente come gli altri prodotti.

Nel complesso per la fascia di prezzo a cui appartiene la visione è piacevole al buio, ed è anche discreta in ambiente luminoso.

Gamma cromatica

Samsung RU7170U ha un pannello nativamente ben calibrato, infatti come per il modello ru7400 la sola impostazione della modalità film, con temperatura colore “caldo2” è più che adeguata al pubblico di riferimento. Esistono poi ulteriori interventi atti a migliorare ancora il profilo, ma sono variazioni praticamente impossibili da vedere a occhio nudo in questo modello.

La riproduzione delle sfumature è accettabile, qualche leggero effetto banding è presente sulle tinte molto scure in particolare i verdi e i blu scuri, la funzione Digital Clean View (atta a nascondere il problema) e meglio lasciarla disattiva in quanto non elimina il difettino, e porta solo un’inevitabile perdita di dettaglio.

Samsung RU7170 pixel

La gamma dei colori riproducibili lavora esattamente come ci si aspetta, buona in SDR, ma limitata in HDR, infatti a causa della luminosità bassa, alcuni colori molto forti e saturi non sono ben riproducibili.

Visto in movimento

Samsung RU7170U in tutti i formati disponibili utilizza lo stesso identico pannello a 60Hz, la gestione del movimento è assolutamente nella norma, i tempi di risposta sono di 7ms, quindi accettabili.

Nel menù è ovviamente presente l’Auto Motion Plus per l’interpolazione dei contenuti fino a un massimo appunto di 60hz, questa avviene esattamente come su NU7170 del 2018, ma anche come su RU7400, non si intravedono particolari artefatti, anche perché il lavoro svolto non è eccessivo, lo scorrimento delle immagini appare naturale, i 7ms del tempo di risposta potrebbero lasciare intravedere qualche minima traccia di effetto scia, ma solo ed esclusivamente a un utente abituato alla visione su un OLED TV.

Samsung non comunica il processore utilizzato specificando solo un generico quad-core, ma si ipotizza che in questa fascia di prezzo sia sempre lo stesso.

Input Lag ottimo

La tv con la modalità gioco attiva videogiocando in 4K con HDR riporta un input-lag di 11ms, un valore che rappresenta l’eccellenza in qualsiasi categoria di prezzo.

Collegando un PC non c’è neanche bisogno di impostare nulla in quanto si setta in automatico in modalità bassa latenza.

A differenza dei fratelli maggiori non dispone di ulteriori opzioni per il gioco, disattivando la modalità game il valore supera gli 80ms rendendosi inadatto, ovviamente non è presente il Variable Refresh Rate.

Smart TV col taglio sui controlli vocali

Samsung RU7170 funzioni smart TV

RU7170 utilizza come sistema operativo l’ultima versione di Tizen OS, il sistema è reattivo quanto basta, la sua semplicità di utilizzo è universalmente riconosciuta, così come l’ampio store di App, tuttavia in questo modello Samsung ha optato per il taglio delle funzioni vocali, non è chiaro se per questioni di marketing o altro.

Infatti anche il telecomando fornito, non è lo stesso dei modelli di fascia superiore, questo ha una forma del tutto classica, e non ha microfoni (vista l’assenza di funzioni vocali dell’OS).

il telecomando di Samsung RU7170
il telecomando di Samsung RU7170

Questa assenza non è poi cosi grave se consideriamo che la TV come tutte quelle del 2019 è compatibile con i comandi vocali di Google Assistant, e di Amazon Alexa, a patto ovviamente di avere il dispositivo/microfono proprietario.

Naturalmente è sempre compresa la possibilità di utilizzare lo smartphone come telecomando tramite l’apposita app, un utilizzo comunque molto superficiale che si limita a riprodurre tasti freccia e poco altro.

Audio

La dotazione prevede 2 piccoli altoparlanti da 10W direzionati verso il basso vicino alle estremità, l’audio è comunque pulito e piacevole a basso volume, ma altrettanto inadeguato per grandi ambienti, e per la riproduzione dei bassi.

Nuovo modello in Offerta Amazon

Ru7170 è fuori produzione, il prodotto che lo ha sostituito attualmente in commercio si chiama AU7190 (recensione) e puoi trovarlo in offerta a partire da:

Offerta
Samsung TV UE50AU7190UXZT – Smart TV 2021, Serie AU7100, Modello AU7190, Crystal UHD 4K, Compatibile con Alexa, DVB-T2, Grigio (Titan Grey), 50″ [Escl. Amazon]
  • Questo TV è predisposto a ricevere il nuovo digitale terrestre 2
  • Smart TV con sistema tizen: il meglio dell’intrattenimento e dello sport in…
  • Purcolor: guarda colori più intensi, naturali e realistici e vivi…
Voto Totale
77%
Analizzando RU7170 il prodotto è chiaramente di natura entry level, tuttavia offre un buon contrasto, dei neri accettabili, e un pannello abbastanza uniforme, si tratta di caratteristiche tutte riconducibili all’utilizzo di un pannello VA, cosi come lo scarso angolo di visione. La TV è ben godibile in ambiente buio, ed è accettabile in ambiente luminoso, riproduce nella norma ogni tipo di contenuto, con qualche pecca se si tratta di HDR (a causa della bassa luminosità), nel complesso non si discosta quasi per niente da RU7400, se non per il taglio delle funzioni vocali e la dotazione di un telecomando di fascia inferiore, fattori che comunque lo portano a essere ancora più economico.

Design:

Il design comprende lo spessore, la dimensione delle cornici, la qualità costruttiva e progettuale.

82%
Luminosità:

Una luminosità alta consente HDR di maggiore qualità e una migliore visione sopratutto in ambiente luminoso.

63%
Contrasto:

Il rapporto tra il punto più luminoso e il nero. Più scuro è il nero, maggiore sarà il contrasto.

80%
Uniformità:

Si riferisce a quanto sono uniformi le schermate a tinta unita, nella normale visione influisce sulla qualità di scenari come cieli, campi da calcio, pavimenti e simili. Nelle tv più economiche ci può essere tanta differenza anche tra gli stessi modelli.

74%
Colore:

Si riferisce alla calibrazione nativa e alla quantità di colori che riesce a riprodurre.

66%
Angolo di visione:

Un valore alto indica che puoi guardare lo schermo da posizione angolata senza avere alterazioni cromatiche.

65%
Immagini in movimento:

La qualità nella riproduzione di scene motorie. Valuta anche interpolazione dei contenuti e tempo di risposta del pannello.

71%
Input-Lag e Videogiochi:

Input-lag è il tempo in millisecondi tra il ricevimento del comando e la sua visualizzazione a schermo, in questa categoria si valutano anche le funzionalità legate al gaming.

78%
Smart-TV:

Il sistema operativo della TV, si valutano funzionalità, semplicità e reattività.

72%
Audio:

Valuta come si sente la sola TV, ma anche le funzionalità di espansione e codec supportati.

68%
Rapporto qualità/prezzo:
86%
fattori positivi e negativi
Prezzo molto economico
Buon contrasto
buon input-lag
bassa luminosità
scarso angolo di visione
non ha funzioni vocali

SPECIFICHE E MISURAZIONI

GENERALITA'
Produttore: Samsung
Anno di produzione: 2019
Risoluzione: 4K
Brand (nome commerciale): Samsung Crystal LED
Processore Video: Ignoto
Formati disponibili: 43", 50", 55", 65", 75"
TECNOLOGIA
Tipologia di pannello

Suddiviso in gruppi LCD IPS, LCD VA, QLED, OLED. Per la differenza tra LCD vedi: +info LCD, per la differenza tra Qled e Oled: Oled VS Qled

: lcd va
Retro illiminazione

La sorgente di luce può essere LED, MiniLED, o assente se i pixel sono auto-illuminanti (oled). I led possono essere direct (su tutto il retro) o edge (solo su una o più cornici)

:edge led basso
Local dimming

Lo Spegnimento selettivo della retroilluminazione al fine di offrire un nero migliore, maggiorni sono le zone indipendenti, maggiore sarà la qualità dei neri in certe situazioni. Gli Oled non ne hanno bisogno +info sul local dimming

: non è presente il local dimming
Pannello

Attualmente può essere 8bit o 10bit e cambia il numero di colori che può riprodurre. Gli Hz sono il numero di volte al secondo che la tv ridisegna l’immagine, può essere a 60Hz o 120Hz +info sugli Hz

: 8 bit + FRC - 60Hz
HDR supportato

HDR è la gamma cromatica estesa. Le versioni di HDR dinamiche sono Hdr10+ e Dolby Vision: +info HDR

: HDR10, HDR10+, HLG
RESA IMMAGINE
Contrasto: 5500:1
Luminosità picco HDR:

Un valore di nits più alto offre una copertura colore superiore e una migliore visione sopratutto in ambiente luminoso. Il dato riporta una media su contenuti HDR reali, il volore medio oggi è circa 450 nits..

: 280 nits
Spazio colore DCI P3

Misurazione riferita a quanti colori visualizza la TV, la gamma DCI P3 ha ampiezza simile a quella Adobe RGB, ma si espande di più in zone rosse e gialle, meno in quella del ciano e del verde.

: 76,6%
Spazio colore Rec 2020

Misurazione riferita a quanti colori visualizza la TV, la gamma Rec.2020 ha ampiezza ultra-wide molto più ampia della DCI P3, è destinata sopratutto ai contenuti video moderni.

: 55,3%
Volume colore DCI P3

Lo spazio colore DCI P3 abbinato alla luminanza diventa volume colore DCI P3, misura quante variazioni luminose si possono produrre del singolo colore rapportate a uno schermo ipotetico con luminosità 1000 nits.

: 33%
Volume colore Rec 2020

Lo spazio colore REC 2020 abbinato alla luminanza diventa volume colore REC 2020, misura quante variazioni luminose si possono produrre del singolo colore rapportate a uno schermo ipotetico con luminosità 10.000 nits.

: 19%
GAMING
Input Lag (mod.game HDR 60hz)

E' il tempo in millisecondi tra il ricevimento del comando e la sua visualizzazione a schermo, un valore più basso è migliore, oggi il valore medio è di 20ms +info sull'input-lag

: 11 ms
Input Lag (mod.game HDR 120hz): /
Input Lag (mod.game VRR): /
Tempo di risposta medio del pannello

E' il tempo che impiega un pixel a cambiare il suo stato/colore, nello specifico viene riportato quanto ci mette a variare il suo stato dell'80% (che è più di quello che in media avviene nelle scene reali). Un valore medio per un LCD è 6ms, valori troppo alti generano il classico "effetto scia" o ghosting.

: 7 ms
versione HDMI: Hdmi 2.0
Numero di porte HDMI: 3
Supporta giochi 4K / 120hz: No
Supporta giochi 4K / 120hz / Dolby Vision: No
Variable Refresh Rate

Funzione che sincronizza i frame generati dalla console/PC con quelli riprodotti a schermo +info VRR

:

No

Auto Low Latency Mode (ALLM)

Funzione che riconosce se stai giocando e attiva in automatico la modalità game.

: No
HGiG

Funzione legata a un consorzio che imposta delle direttive per il corretto e calibrato uso di HDR nel mondo del gaming, la sua attivazione imposta in automatico la corretta gamma e tone/mapping per la TV utilizzata.

: No
SMART-TV
Smart TV OS: TizenOS - 2019 (con restrizioni)
Assistenti vocali: Nessuno
Streaming contenuti

Riferito alla possibilità di inviare contenuti da smartphone/tablet o PC

:

App proprietaria

Connettività: Bluetooth 4.2 , Wi-Fi 5 (802.11ac)
CODIFICHE
Nuovo dig.terrestre(DVB-T2) e Cod.HEVC : Si
Codifica MPEG4 : Si
Codifica VP9 : Si
Codifica AV1 : No
Codifica VVC : No
AUDIO
Speakers: sistema 2.0 - 20W
Audio Passthrough: ARC, 5.1 Dolby Digital su ARC, 5.1 Dolby Digital su Ottica
Articolo aggiornato al: 22 Ago 2023
Redatto da: Pixeltv