MicroLED

Un articolo che analizza nel dettaglio la tecnologia MicroLED, che secondo molti esperti potrebbe essere alla base di tutti i display per TV, monitor e smartphone dei prossimi anni.

Il confronto con i sempre più diffusi OLED e l’analisi sui produttori che stanno investendo su questa tecnologia.

Cos’è il MicroLED ?

E’ noto anche come micro-LED, mLED o μLED come suggerisce il nome si tratta di schermi costruiti da LED microscopici che formano i singoli elementi dei pixel.

Fino al 2018 i LED sono utilizzati unicamente per retro-illuminare i display LCD, ma questo ha poco a che fare con la nuova tecnologia analizzata, infatti nei futuri microLED ogni singolo pixel è composto da tre microscopici LED colorati (uno rosso, uno blu e uno verde). Questo sistema permette di avere dei pixel auto-illuminanti, quindi non necessita di retroilluminazione, un pixel spento equivale a nero assoluto, proprio come sugli Oled, ma ci sono molti altri vantaggi e utilizzi

MicroLED vs OLED

Lasciando fuori dalla competizione gli LCD (che a causa della retroilluminazione non possono competere) passiamo ad analizzare vantaggi e svantaggi nei confronti degli OLED

Sia OLED che microLED offrono entrambi un fabbisogno energetico notevolmente ridotto l’assenza di retroilluminazione li rende perfetti per smartphone, tablet e portatili, ma anche ottime TV dotate di nero assoluto, entrambi hanno pixel auto-illuminanti, e angoli di visione elevatissimi, tuttavia MicroLED si basa sulla tecnologia convenzionale a LED GaN , che a differenza di OLED offre una luminosità massima fino a 30 volte superiore, teoricamente racchiude in se il vantaggio della luminosità delle TV LED con il meglio del nero assoluto di OLED. Il rapporto di contrasto raggiungerà quindi livelli fuori parametro rispetto a quello che c’è in commercio oggi, con enorme beneficio dell’HDR.

MicroLED, vantaggi e svantaggi

MicroLED, vantaggi e svantaggi

C’è anche un altro vantaggio, poiché gli OLED sono fatti con composti organici, possono subire deterioramenti nel tempo, il famoso burn-in (seppure quasi del tutto risolto) dopo anni e anni di utilizzo potrebbe sempre presentarsi…, Microled non ha questo problema, inoltre, teoricamente quando andra in produzione di massa, sarà anche più economico da produrre.

MicroLED vs OLED Video-confronto

D’altra parte però il mLED è ancora in fase sperimentale, i primi prodotti di massa arriveranno nel corso del 2019 a prezzi e dimensioni ancora da stabilire. Il problema di questa tecnologia (perfetta sulla carta) per quanto riguarda le TV sembra rappresentato dalla miniaturizzazione dei led, in pratica è molto più facile realizzare schermi di grosse dimensioni (oltre i 100 pollici), che realizzare per esempio un 55 pollici, questo perchè a parità di risoluzione richiede un’ulteriore miniaturizzazione dei 3 led che compongono il singolo pixel.

Chi investe sui MicroLED ?

Samsung

Samsung è la prima a portare sul mercato nel corso del 2019 una TV 75 pollici, la testata Digitimes afferma una produzione con il contributo fornito da PlayNitride. Azienda di cui Samsung possiede una grossa quota azionaria, che metterebbe a disposizione chip MicroLED da 30×50 micron.

Non è un caso che il produttore coreano sia uno dei pochi a non aver investito nessuna risorsa sulle TV OLED, attendendo a quanto pare l’arrivo di questa nuova tecnologia.

Durante l’IFA di Berlino hanno portato un prototipo da 146 pollici chiamato the wall (video sottostante)

Apple

Apple ha acquisito nel 2014 LuxVue Technology, una società specializzata proprio nello sviluppo di schermi MicroLED, inoltre a un anno di distanza nel 2015 hanno aperto il primo centro di ricerca e sviluppo specializzato a Taiwan. Secondo Bloomberg, starebbero lavorando in via sperimentale a display MicroLED per smartphone e tablet, in attesa che i costi produttivi ne consentano la diffusione commerciale. Al momento Apple per il display OLED di iPhone X è dovuta ricorrere a Samsung, sicuramente sganciarsi e produrre (in proprio) display addirittura superiori è l’obbiettivo di Tim Cook e soci.

LG

LG a giugno 2018 ha depositato i marchi ( True µLED, QµLED e MμLED ). Le registrazioni effettuate presso l’EUIPO (European Union Intellectual Property Office), lasciano ben pochi dubbi e infatti all’IFA 2018 è arrivato il prototipo qui di seguito:





10 novembre 2018 | Articolo redatto da: Pixeltv