Hisense E78GQ / A78GQ: Recensione

Sono le TV Qled più accessibili prodotte da Hisense, E78GQ e A78GQ, vantano specifiche più alte della loro fascia di prezzo, con una retroilluminazione di tipo Direct-led, il Dolby Vision, parziali funzioni HDMI 2.1, e molto altro, vediamo nello specifico la recensione:

Commercializzato in Italia nelle varianti:

E7

  • 50E78GQ (50 pollici) – pannello VA
  • 55E78GQ (55 pollici) – pannello VA

A7

  • 43A78GQ (43 pollici) – pannello VA
  • 50A78GQ (50 pollici) – pannello VA
  • 55A78GQ (55 pollici) – pannello IPS
  • 65A78GQ (65 pollici) – pannello IPS
  • 75A78GQ (75 pollici) – pannello IPS

Differenze tra E78GQ e A78GQ

Si tratta di due varianti dello stesso prodotto, a seconda del formato possono montare due tipi di pannello diverso, il modello E78 usa VA su entrambi i formati disponibili, mentre quello siglato “A78” offre una quantità maggiore di formati, ma è più propenso al tipo IPS. Le altre differenze riguardano lo stand di sostegno che in entrambi i modelli è composto da due piedini, ma solo il modello A dispone di una basetta unica a innesto tra i due piedini. Anche il retro della TV ha delle sagomature differenti, ma irrilevanti. Il modello analizzato e misurato è comunque E78 con pannello VA.

Design

Hisense E78GQ

La parte frontale ha un design classico ma comunque moderno, le cornici sono di 9mm (dall’ultimo pixel al bordo fisico in compreso), quindi molto ridotte, quella in basso è circa 19 mm, vanta una leggera sovrapposizione al pannello e presenta il logo del produttore al centro.

Vista di profilo la TV ha uno spessore di 84 mm circa, non si può definire quindi sottile, ma qui c’è la prima differenza rispetto ai Qled di Samsung, questi infatti nelle fascie di prezzo più basse hanno una retroilluminazione edge led (led posti solo nella parte bassa), Hisense invece utilizza Direct-led e quindi con i led posti sul retro di tutto il display,  rendendo normale avere un prodotto più spesso.

Il retro in colorazione nera presenta una bombatura nella parte bassa, a destra ci sono gli ingressi disposti in modo laterale tra cui le 3 porta HDMI 2.1 (anche se si tratta come vedremo in seguito di un supporto “parziale”), c’è infine un piccolo incavo con ingrassi secondari come quello ethernet, il jack cuffie e i vecchi spinotti analogici.

Il sistema di sostegno è costituito da due piedini che richiedono 2 viti ciascuno, hanno un’anello plastico sul retro per un’accennato accompagnamento dei cavi. La stabilità risulta solida e funzionale.

I materiali e l’assemblaggio non raggiungono in tutti gli aspetti quelli della concorrenza, il prodotto è interamente in plastica e questa al tatto appare sicuramente economica, anche l’assemblaggio non è proprio perfetto, qualche imperfezione e qualche fessura tra le cornici si nota, bisogna però vedere quanto questo possa influire nel tempo… un lato positivo è però che nel complesso la TV ha un peso davvero minimo, 11 kg per un 50 pollici compreso di stand sono davvero pochi.

Qualità visiva

Da questo punto di vista le specifiche non sono per niente male rapportate al prezzo di vendita, il contrasto misurato con i contenuti reali si assesta sui 4400:1, quindi persino superiore a quello dichiarato dal produttore… questo ovviamente riguarda i modelli con pannello VA, dove appunto i neri sono del tutto accettabili, non c’è nessuna forma di local dimming (o spegnimento selettivo dei led), che in questa fascia di prezzo sarebbe un’azzardo. Tuttavia nella visione di contenuti al buio non ci può lamentare, in questo esemplare c’è una leggera fuga di luce in alcuni punti della cornice, ma questi sono aspetti che su modelli cosi economici riguardano il singolo esemplare, magari sfortunato…

i neri sono discreti, ma c'è una leggera fuga vicino alla cornicei neri sono discreti, ma c’è una leggera fuga vicino alla cornice

La luminosità misurata ha una media di 290 nits nei contesti reali con contenuti HDR e contrasto molto alto, quindi allineata ai 300 nits dichiarati dal produttore che di solito non riguardano mai situazioni reali. Rispetto agli algoritmi dei qled di Samsung in questo caso la retroilluminazione tende a rimanere più alta anche se le porzioni luminose sono molto piccole, si anche in questo caso si abbassa di circa 70 nits, ma comunque meno rispetto alla concorrenza. Questo lascia intravedere un nero più inquinato, scelta leggermente penalizzante nel complesso.

C’è anche da considerare che la principale differenza tecnica rispetto ai Qled entry level di Samsung è nel fatto che qui la retroilluminazione è di tipo Direct-led quindi presente su tutto il retro e non solo nella parte bassa come per esempio avviene su Samsung Q60A o Q70A, questo teoricamente dovrebbe permettere di offrire una luminosità più uniforme e maggiore, nella realtà tuttavia immagino che i led utilizzati siano più “deboli” e quindi la resa finale non si discosta, anzi è persino un pò inferiore.

l'uniformità del pannello vede la cornice esterna leggermente più chiaral’uniformità del pannello vede la cornice esterna leggermente più chiara

L’uniformità del pannello è abbastanza buona, ci sono i classici angolini con diversa gradazione luminosa, e anche in basso c’è un po di luminosità in più, ora con i contenuti reali è abbastanza difficile distinguere la cosa, si percepisce solo al buio con schermate uniformi molto scure… tuttavia nella parte centrale nessun evidente effetto schermo sporco (DSE), anche se questi aspetti sono un po legati al singolo esemplare bisogna dire che in questo i contenuti sportivi (generalmente i più penalizzati dal DSE) risultano abbastanza piacevoli e naturali.

L’angolo di visione essendo un pannello VA è limitato, ma non si possono però avere grosse pretese, basta essere consapevoli che la posizione di visione deve essere ben frontale al pannello, pena la classica alterazione dei colori prima fra tutte lo schiarimento dei neri.

55A78GQ, 65A78GQ, 75A78GQ con pannello IPS

Come riportato in apertura nel caso di acquisto del modello A78GQ i formati da 55, 65 e 75 pollici hanno ufficialmente un display di tipo IPS, non è possibile al momento riportare le misurazioni su questi modelli, tuttavia un IPS senza local dimming ha praticamente sempre dei neri discutibili e di conseguenza un rapporto di contrasto molto più basso. Di positivo c’è l’angolo di visione molto più ampio… L’acquisto di tali esemplari è quindi consigliato solo a chi non intende fruire del prodotto al buio, e ha chi ha postazioni angolati rispetto alla TV.

 

Colore

La calibrazione nativa è accettabile, sopratutto per il tipo di pubblico a cui è rivolta, la modalità più calibrata è quella chiamata cinema notturno, che comunque a mio parere offre tonalità abbastanza naturali e realistiche, la pelle e gli incarnati per esempio sono ben riprodotti.

Nelle misurazioni tende ad essere leggermente carente di verde nei punti bianchi e nei medi, una calibrazione nativa su misura è possibile, ma visto il costo dell’operazione rapportata a quello del prodotto è sicuramente meglio soprassedere. La presenza di una modalità filmaker mode sarebbe stata ben accetta, questo perché magari avrebbe saputo offrire una calibrazione nativa più precisa di quanto avviene con il preset cinema notturno.

Quanto alla gamma colore è in linea con il fatto di avere uno strato di quantum dot che come già detto lo rende diverso da un normale LCD, permettendogli di raggiungere un DCI P3 del 90,5%, il volume del colore è nella media, le tinte più brillanti sono un po limitate dalla luminosità massima, ma comunque nella norma.

i pixel del pannello VA nel dettaglioi pixel del pannello VA nel dettaglio

Le sfumature sono riprodotte in modo graduale senza evidente banding a eccezione delle zone molto scure, il tipo di pannello lavora a 8 bit+FRC per la gestione dei contenuti HDR, proprio riguardo a quest’ultimo è notevole il supporto al Dolby Vision oltre che a HDR10 e HDR10+ anche se ovviamente il suo buon sfruttamento richiederebbe specifiche di luminosità molto più spinte. A ogni modo con contenuti Dolby Vision la sua attivazione si percepisce, impostando contrasto al massimo, un’adeguata luminosità e attivando la spunta chiamata “scena intelligente” si riesce a ottenere una resa di un certo livello.

Gestione Movimento

Il pannello utilizzato lavora a 60Hz ed ha un classico tempo di risposta medio di 4ms, come tutti gli LCD moderni questo scongiura l’effetto scia in contenuti sportivi o molto movimentati. La riproduzione di film a 24fps si comporta con i filtri di movimento disattivi nella norma, resta di fatto che ormai a parte i puristi siamo tutti abituati a framerate più alti e di conseguenza la maggior-parte come prima cosa attiverà la funzione chiamata Ultra Smooth Motion per avere una visione più fluida, questa prevede 5 livelli di intensità, non molto diversi tra loro a dire il vero.

Anche in questo caso l’interpolazione di movimento o (effetto soap opera) si comporta seguendo lo standard, come è normale appare qualche artefatto occasionale, ovviamente a subire questo sono i contorni degli elementi in rapido movimento che verranno frastagliati nel tentativo di generare frame mancanti.

Collegando una sorgente a risoluzione molto bassa come un SD il processo di upscale è leggermente meno nitido dello standard, diciamo che hanno scelto un tipo di upscale morbido e sfumato, ovviamente non ci sono processori atti a elaborare pesanti algoritmi di interpolazione, non che sia un problema dato che questi vecchi contenuti non sarebbero comunque il massimo… con sorgenti 720 o 1080i/p invece segue gli standard moderni senza particolari meriti o demeriti.

Videogame

E78GQ e le varianti A78GQ fanno un passo avanti rispetto ai modelli del 2020, maggiore attenzione è stata dedicata al gaming, anzitutto l’input lag con la modalità game è di 14ms, un valore comunque buono anche se non il top attuale del panorama.

anche in condizione base di 4k 60Hz non è il prodotto con l'input-lag più basso, ma in questo aspetto si difende beneanche in condizione base di 4k 60Hz non è il prodotto con l’input-lag più basso, ma in questo aspetto si difende bene

Inoltre c’è un parziale supporto ad HDMI 2.1, dico parziale perché viene supportato eARC (Enhanced Audio Return Channel), ALLM (Auto Low Latency Mode) e VRR (Variable Refresh Rate) da 48 a 60Hz… in effetti le specifiche 2.1 richiedono un pannello a 120hz cosa che il prodotto Hisense non ha! del resto è comunque apprezzabile l’inserimento di questo VRR, che oltre a eliminare eventuali problemi di tearing abbassa ulteriormente di qualche ms l’input lag del pannello.

Smart TV

La parte smart rappresenta un po il punto debole del prodotto, il sistema operativo è il VIDAA 5.0, bisogna dire che il normale utilizzo non è poi cosi male, è snello e intuitivo, legge comunque tutti i formati più usati da dispositivi esterni e anche la reattività di sistema è accettabile, le animazioni ovviamente sono ridotte al mimino proprio per favorire la rapidità, in generale non ho riscontrato bug o inpuntamenti nel poco tempo di utilizzo.

La disponibilità delle App non è male, per esempio riferite al mercato italiano ci sono Rai Play, DAZN, Chili, TIM Vision e Mediaset Play, quelle internazionali prevedono i classici Netflix, Prime video, YouTube, Rakuten ecc… ma purtroppo a ottobre 2021 manca Disney+.

In generale le App si comportano abbastanza bene, si aprono in un tempo accettabile e quando necessario supportano nativamente gli HDR delle fonti, Prime Video da quanto testato ci mette diverso tempo a trovare il flusso HD dei contenuti, quindi parte riproducendo a bassa definizione senza HDR per poi implementarlo con qualche secondo di ritardo, ma è un caso a parte che potrebbe essere risolto con aggiornamento software.

telecomando

Il telecomando in dotazione è di tipo classico, ha molti tasti scorciatoia per le App, ha il tasto per impartire i comandi vocali (supportati Alexa e Google Assistant).

Non ci sono App dedicate con funzione chromecast per l’invio di contenuti da smartphone o tablet, se avete questa necessità dovete comprare una fire TV Stick 4K , questo vi darebbe accesso a un OS smart eccellente al patto di sacrificare 1 porta HDMI .

Arriva anche Disney+

Hisense ha comunicato l’imminente integrazione di Disney+ sulle versioni più recenti dell’OS, pare che i modelli dal 2017 in poi presto vedranno integrata l’App nella Home di Vidaa OS.

 

Audio

Hisense E78GQ e tutte le sue varianti sono dotate di 2 altoparlanti integrati da 10W, ci sono delle impostazioni sonore per cambiare il tipo di equalizzazione a seconda dei gusti, ma è praticamente solo marketing, non si può pretendere molto e l’unico sonoro realmente adeguato è quello dei dialoghi, colonne sonore e bassi ovviamente hanno i loro limiti come in tutte le TV con questa dotazione. Le decodifiche convertire e di passaggio tramite HDMI eArc vedono il Dolby Digital e il Dolby Atmos.

Come si posiziona sul mercato ?

Questo prodotto Hisense punta chiaramente al mercato entry level, è un Qled TV e di conseguenza il suo principale prodotto di riferimento dovrebbe essere Samsung Q60A, il prodotto Samsung può vantare una qualità visiva più alta e una maggiore affidabilità nella parte smart-TV, ma ha un prezzo mediamente più alto.

Paragonato invece all’LCD AU8070 con cui condivide più o meno lo stesso prezzo, lo supera nell’aspetto dei colori più brillanti grazie al quantum dot e all’implementazione seppur limitata del Dolby Vision.

Offerta Amazon

Offerta
Hisense 50" QLED 4K 2021 50E78GQ, Quantum Dot, Smart TV VIDAA 5.0, HDR Dolby Vision, Audio Dolby Atmos, Controlli vocali Alexa / Google Assistant, Tuner DVB-T2/S2 HEVC 10, lativù 4K
  • 50" QLED 4K Smart, risoluzione 3840 x 2160 con pannello Quantum Dot
  • Design Slim, con meno cornici e più immagini
  • Smart VIDAA 5 con controlli vocali Alexa e Google Assistant, Wi-Fi...

Hisense 50" QLED 4K 2021 50A78GQ, Quantum Dot, Smart TV VIDAA 5.0, HDR Dolby Vision, Audio Dolby Atmos, Controlli vocali Alexa / Google Assistant, Tuner DVB-T2/S2 HEVC 10, lativù 4K
  • 50" QLED 4K Smart, risoluzione 3840 x 2160 con pannello Quantum Dot
  • Design Slim, con meno cornici e più immagini; stand Centrale
  • Smart VIDAA 5 con controlli vocali Alexa e Google Assistant, Wi-Fi...




Voto Totale

73%
Hisense E78GQ / A78GQ è un prodotto destinato a un'uso quotidiano senza troppe pretese, i formati con pannello VA hanno una qualità al buio accettabile, anche di giorno se l'ambiente non è troppo luminoso la visione risulta sicuramente piacevole. Apprezzabile il supporto al Dolby Vision, anche se si tratta pur sempre di un'utilizzo parziale. Le immagini in movimento le gestisce nella norma e per videogiocare ha un buon l'input lag fino a 4K / 60hz. Complessivamente il suo punto di forza è il prezzo, è il Qled TV più economico sul mercato e molti utenti saranno disposti a preferirlo a un LCD di pari costo.

Design:
71%
Luminosità:
67%
Contrasto:
76%
Uniformità:
69%
Colore:
76%
Angolo di visione:
67%
Immagini in movimento:
73%
Input-Lag e Videogiochi:
77%
Smart-TV:
64%
Audio:
68%
Rapporto qualità/prezzo:
80%
prezzo contenuto

Specifiche e Misurazioni

  • Tipologia di pannello:
lcd ips o va
  • Retro illiminazione:
direct led
  • Local dimming:
non è presente il local dimming
  • Risoluzione: 4K
  • Formati disponibili: 43", 50", 55", 65", 75"
  • Contrasto: 4400:1
  • Luminosità HDR(contesto reale): 280 nits
  • HDR supportato: HDR10, DOLBY VISION, HDR10+, HLG
  • Tempo di risposta: 4ms
  • Input Lag (4k HDR mod.game): 14ms
  • Pannello: 8 bit + FRC - 60Hz
  • HDMI supportato: Hdmi 2.1
  • Variable Refresh Rate: Freesync
  • Auto Low Latency Mode (ALLM): Si
  • Audio Passthrough: ARC, eARC, Dolby Atmos su ARC, 5.1 Dolby Digital su ARC, 5.1 Dolby Digital su Ottica
  • Gamma colore DCI P3 xy: 90,5%
  • Gamma colore Rec 2020 xy: 66%
  • Volume colore DCI P3: 84%
  • Volume colore Rec 2020: 62%
Articolo aggiornato al: 26 Ottobre 2021 | Redatto da: Pixeltv